Anche quest’anno Banca Etica partecipa al Festival di Internazionale, in programma a Ferrara dal 29 settembre al 1 ottobre 2017 . Sabato 30 settembre al cinema Apollo è in programma l’evento su grande finanza e diritti umani, a cui partecipano Andrea Baranes, presidente della Fondazione culturale responsabilità etica della rete di Banca Etica, la professoressa tedesca Barbara Happe e lo statunitense Jesse Eisinger, giornalista di ProPublica ed esperto di finanza etica. L’incontro sarà moderato da Teresa Paoli.
 
 

Leggi tutto...

L'appuntamento è a Riccione dal 23 al 25 Giugno 2017 per la 3^ edizione del DIG Festival, evento che promuove il giornalismo d’inchiesta e il reportage in tutte le sue forme.

Incontri, dibattiti, workshop, spettacoli e proiezioni in anteprima con le grandi firme del giornalismo internazionale sui temi più attuali. Tre giorni intensi in cui verranno presentati i lavori di inchiesta televisiva dell’ultimo anno, provenienti da tutto il mondo e in particolare dall’Europa, i migliori saranno premiati con il DIG Award.

L’edizione del 2017 affronta temi discussi e al centro di dibattito come cyber security, censura, diritti umani e democrazia, di tecnologie e Internet, flussi migratori e crisi del sistema finanziario e delle banche. 

 

Sul tema economia e finanza si è aperta una collaborazione tra il DIG, la Banca Etica e la Fondazione Finanza Etica, che patrocinia l'evento, con l’obiettivo di diffondere la cultura dell’uso responsabile del denaro e il ruolo dell’educazione finanziaria attraverso l'organizzazione di due incontri durante il Festival.

Leggi tutto...

1. Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2016 di Eni S.p.A

La Fondazione Finanza Etica, creata nel 2003 da Banca Etica, è giunta al decimo anno di azionariato critico. Nel 2007 abbiamo acquistato azioni di Eni con lo scopo di promuovere il ruolo dei piccoli azionisti e il loro contributo alla vita dell'impresa. Dal 2008 interveniamo alle assemblee per sollecitare la riflessione degli amministratori e degli azionisti sugli impatti che la condotta di Eni in campo ambientale e sociale può avere sul bilancio e sulla reputazione dell'impresa.

La nostra iniziativa è svolta in stretta collaborazione con le reti e le organizzazioni della società civile italiana e internazionale, come Re:Common e Global Witness, che interverranno dopo di me (sono intervenuti prima di me).

Abbiamo già inoltrato alla società una serie di domande sfruttando la possibilità offerta dall'articolo 127-ter del TUF e ringraziamo Eni per le risposte.

Dopo questa premessa, vorremmo portare all'attenzione del Consiglio di Amministrazione e degli azionisti di Eni alcune questioni che riguardano il bilancio di Eni sul quale annunciamo la nostra astensione.

Nel corso dell'assemblea 2016 l'amministratore delegato Claudio Descalzi ha annunciato un piano di investimenti di Eni per l'installazione di pannelli fotovoltaici nei pressi di asset del gruppo. In Italia saranno installati nelle aree Syndial. La capacità totale prevista per l'Italia e l'estero, nel piano 2017-2020, è pari a 463 MWp per un investimento nel quadriennio di 0,55 miliardi di euro. Continua la lettura, clicca sul documento icon Eni AGM 2017 Intervento FFE su 1. Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2016 

5. Nomina degli Amministratori.

Come Fondazione Finanza Etica annunciamo il nostro voto a favore della lista degli investitori ed esprimiamo soddisfazione per la ricandidatura della dott.ssa Karina Litvack e per il suo reintegro nel Comitato Controllo e Rischi lo scorso 4 aprile. Pensiamo sia però una vergogna il solo fatto che Litvack sia stata rimossa dal Comitato il 29 luglio del 2016, sulla base di un'inchiesta su ipotesi di cospirazione che fin dall'inizio ha assunto i contorni di una farsa. Un'inchiesta per la quale non sono mai state avanzate richieste di rinvio a giudizio a carico di alcuno degli indagati.

Al contrario, l'inchiesta sulla presunta corruzione internazionale nell'acquisizione della licenza OPL 245 in Nigeria si è conclusa presso la Procura di Milano con la richiesta di rinvio a giudizio, l'8 febbraio scorso, dell'amministratore delegato Claudio Descalzi e del Chief Development & Technology Officer Roberto Casula.

Un altro top manager Eni, il Chief Upstream Officer Antonio Vella, è stato rinviato a giudizio il 27 luglio del 2016 nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Milano su un presunto caso di corruzione in Algeria. Antonio Vella è attualmente sotto processo.

Se da un lato ci sembra molto strano lo zelo con cui la dott.ssa Litvack è stata allontanata dalla sua posizione all'interno del Comitato Controllo e Rischi, dall'altro non capiamo perché non si sia usato lo stesso zelo per allontanare, sospendere o anche semplicemente richiamare manager che si trovano in posizioni ben più strategiche di quelle ricoperte dal consigliere Litvack e per i quali è stato richiesto, e in un caso ottenuto, il rinvio a giudizio.

Continua la lettura del documento icon Eni AGM 2017 Intervento FFE su Nomina degli amministratori

La Fondazione Finanza Etica ha aderito alla campagna #aprileorecchie! lanciata dalla  GCAP Italia in occasione del prossimo Summit G7 di Taormina, con cui si rivolge direttamente ai Leader del G7 per chiedere di “aprire le orecchie” ai problemi che affliggono l’umanità e il pianeta e di adottare politiche concrete per risolverli.

 

Leggi tutto...

La Fondazione partecipa a

Contatti

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fax +39 055 2691148

SEDE LEGALE

Padova
Via N. Sauro 15, 35139

SEDI OPERATIVE

Firenze (direzione, attività culturali)
Via dei Calzaiuoli 7, 50124
T. +39 055 2381064

Seguici su questi social media o con l'RSS

 

 
Sei qui: Notizie Notizie della Fondazione